28/06/2011

Deduzione dei costi per auto aziendali: trattamento contabile e fiscale

Approfondiamo i costi e la detraibilità in termini di IVA, nonché le spese a essi riconducibili quali carburanti, assicurazioni, manutenzione.


Uno degli aspetti legati all'acquisto degli automezzi aziendali è sicuramente collegato alla deduzione in termini di costo ed alla detraibilità in termini di IVA degli stessi, nonché a tutte quelle spese ad esse riconducibili quali i carburanti, le assicurazioni, la manutenzione.

Per poter affrontare il tema legato ai veicoli aziendali, occorre preliminarmente sottolineare quanto disposto dall'art. 164 TUIR in merito a quei veicoli che non sono soggetti a vincoli di deducibilità fiscale come i mezzi di trasporto che per loro natura sono ad utilizzo esclusivamente strumentale.

Giova ricordare che l'Agenzia delle Entrate con la circolare 19 gennaio 2007, n. 1/E ha precisato che sono da ritenersi strumentali solamente quei veicoli senza i quali l'attività d'impresa sarebbe non realizzabile.

Esiste, inoltre, un'altra categoria di veicoli la cui deducibilità dei costi è da ritenersi al 100% e sono i cosiddetti veicoli ad uso pubblico, come ad esempio nel caso del taxi.

Per quanto riguarda le autovetture aziendali, il riformulato art. 164 TUIR prevede la deduzione del 40% dei costi compresi quelli inerenti all'acquisto del veicolo nel limite di 18.075,99 euro; tale limite si eleva all'80% dei costi ed alla deduzione del veicolo nel limite di 25.822,24 euro, in presenza di attività svolta dagli agenti e rappresentanti di commercio.

In linea generale, tali limitazioni sono estendibili anche al costo del noleggio, che diviene deducibile sino al limite massimo di 3.615,20 euro con eventuale ragguaglio all'anno, ed ai canoni di leasing.

Per i canoni di leasing che sono stati stipulati dopo il 12 agosto 2006, la durata del contratto non deve essere inferiore al periodo di ammortamento che è di 48 mesi.

Diversa può essere la nostra analisi legata ad autovetture date in uso promiscuo ai dipendenti, infatti in questo caso i costi divengono deducibili nella misura del 90% senza limitazioni in ordine al costo di acquisto, leasing o noleggio, purché risultino soddisfatte due condizioni:

1) l'autovettura sia assegnata ad un dipendente per la maggior parte del periodo di imposta, o di possesso dell'auto se quest'ultimo risulta inferiore;
2) l'utilizzo sia consentito al dipendente anche per scopi personali.In merito al punto 1), si sottolinea che la scelta deve essere adeguatamente documentata e risultante da documentazione, infatti tale ipotesi deve essere riportata anche nel contratto di assunzione.

Di seguito si riportano alcune casistiche in merito a quanto precedentemente illustrato, con particolare attenzione al risvolto fiscale e contabile dell'operazione.

Esempio n. 1 - Acquisto autovettura aziendale con il 40%

La Gamma S.R.L. acquista un veicolo il cui costo complessivo è di 50.000 euro.

Esempio 1

Esempio 1

Esempio n. 2 - Acquisto autovettura aziendale con l'80%

La Gamma S.R.L. operante come Agente di Commercio acquista un veicolo il cui costo complessivo è di 50.000 euro.

Esempio 2

esempio 2

Tabella riepilogativa

tabella riepilogativa


0Commento

Attività degli amici